Loading
Exigo Media Events
Humus Park 2018: per la prima volta è anche degustazione di prodotti tipici
image title

In occasione di Humus Park 2018, sesta edizione dell’evento di Land Art che coinvolge 90 artisti da 13 paesi del mondo e che si svolge nei comuni di Caneva, Polcenigo e Pordenone dal 14 al 26 maggio, sono in programma per la prima volta due serate di degustazione, ciascuna a chiusura della rispettiva settimana dedicata alla creazione di opere d’arte naturali. Il 19 maggio a Stevenà di Caneva in Villa Frova e il 26 maggio a Torre di Pordenone, ci sarà la possibilità di assaggiare i prodotti tipici del territorio, selezionati da Gianna Buongiorno in collaborazione con Slow Food, Condotta del Pordenonese.

Se Humus Park è l’evento artistico per eccellenza che traduce e interpreta la vera natura della terra, non poteva mancarne anche la declinazione enogastronomica. La terra è il filo conduttore che unisce arte e cibo: nasce da qui l’esigenza di sottolineare quanto siano importanti i prodotti agricoli locali, coltivati e lavorati secondo criteri di rispetto e valore del lavoro della terra e di ciò che questa può donare. A chiusura di ognuna delle due settimane di lavoro da parte dei direttori artistici Vincenzo Sponga e Gabriele Meneguzzi, si potrà festeggiare brindando e assaporando prodotti eccellenza del territorio. La selezione dei produttori è stata coordinata da Gianna Buongiorno, esperta di cucina, di ingredienti e di contadini, da anni legata a Slow Food in qualità di consigliere regionale e soprattutto nella condivisione delle idee e dei principi dell’associazione. Oltre a Presìdi riconosciuti, ci saranno anche rappresentanze di aziende agricole di eccellenza dei comuni ospitanti e limitrofi.

La prima serata, sabato 19 maggio, si svolgerà nel parco di Villa Frova a Stevenà di Caneva. L’evento di inaugurazione della mostra e di presentazione delle opere realizzate dagli artisti sul sito palafittico di Palù di Livenza (patrimonio Unesco) nei comuni di Caneva e Polcenigo, inizierà alle 18.30. Successivamente Giulio Masieri, artista locale, realizzerà al momento un’opera di Audiopaint accompagnato da Roberto Drumo Vignandel e Luca Grizzo. Si darà poi il via alla musica del One Beat 2duo che accompagnerà i presenti durante la degustazione nei diversi stand distribuiti nell’area del parco. Le aziende interpellate in questa serata sono: la cantina Rive Col de Fer, la birreria Valscura, Trota Blu, l’azienda agricola San Gregorio (caprini e gelato con latte di capra), il consorzio del Figo Moro de Caneva, Manuel Gambon e la sua pitina, il panificio del Castello di Fontanafredda (pani di grani antichi del Friuli Venezia Giulia), l’apicoltura di Marcello Pizzol, il caseificio Dalle Celant (formaggio çuç di mont).

Si bissa sabato 26 maggio, sempre alle 18.30 ma con diversa location: l’Arena del Parco del Castello di Torre, a Pordenone. Dopo l’inaugurazione della mostra e la presentazione delle opere degli artisti italiani e stranieri che lavoreranno durante quella settimana nel Parco del Museo archeologico di Torre e nel Parco del Seminario di Pordenone, si potrà ammirare l’exploit artistico di Giulio Masieri e degustare a ritmo della musica del DJ set Denilove e Mauro Cefis, una nuova selezione di prodotti tipici. In questa occasione Gianna Buongiorno ha optato per: i vini Pitars, la birra di Naon, i prodotti del consorzio del Figo Moro de Caneva, la pitina di Manuel Gambon, i gelati al latte di capra dell’azienda agricola San Gregorio, i pani dei Fratelli Martin in combinazione con il formaggio di Latteria Marsure e altri prodotti presenti, i prosciutti di Doc Dall’Ava.

:::::::::::::::::::::::::::

Altre informazioni:

Francesca Casali

+39 320 32 77 894 – press@exigome.it 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.