Loading
Exigo Media Events
Brindisi finale per Humus Park al Castello di Torre con assaggi d’eccellenza
image title

Termina domani sera la seconda parte di Humus Park 2018 al Castello di Torre di Pordenone con la presentazione delle opere che gli artisti di Land Art hanno creato nel Parco del Museo archeologico di Torre e nel Parco del Seminario di Pordenone. Alle 18.30 il via all’inaugurazione della mostra, alle premiazioni e al momento di degustazione di prodotti della terra, eccellenze del territorio selezionate da Gianna Buongiorno, in collaborazione con la Condotta del Pordenonese di Slow Food. A seguire, lo spettacolo di audiopaint di Giulio Masieri e tanta musica.

Dopo il felice esito dell’inaugurazione della prima mostra di Humus Park a Stevenà di Caneva in Villa Frova di sabato scorso, domani è la volta di Torre di Pordenone. Le opere che i 90 artisti arrivati da 13 paesi del mondo saranno finalmente terminate anche nei due parchi pordenonesi coinvolti e si potranno ufficialmente aprire le porte ai festeggiamenti. L’appuntamento è nell’Arena del Parco del Castello di Torre dove, finita la presentazione e conclusa la premiazione degli artisti, ci saranno delizie da bere e gustare scelte con cura da Gianna Buongiorno. L’esperta di cucina, di ingredienti e di contadini, anche in questa occasione si è affidata ai suggerimenti della Condotta del Pordenonese di Slow Food per inserire nel carnet dei produttori una selezione di presìdi e non solo: i vini Pitars, la birra di Naon, i prodotti del consorzio del Figo Moro de Caneva, la pitina di Manuel Gambon, i gelati al latte di capra dell’azienda agricola San Gregorio, i pani dei Fratelli Martin in combinazione con il formaggio di Latteria Marsure e altri prodotti presenti, i prosciutti di Doc Dall’Ava.

Lo spettacolo di audiopaint di Giulio Masieri (fra gli artisti che hanno realizzato le opere di Land Art nel sito palafittico di Palù di Livenza la settimana scorsa), con l’accompagnamento di Roberto Drumo Vignandel alla batteria e percussioni e Luca Grizzo con voce e percussioni, sarà un momento di forte coinvolgimento emozionale. Si occuperanno della musica i DJ Denilove e Mauro Cefis.

Tutte le opere realizzate resteranno nei suddetti parchi, sotto gli occhi di chiunque vorrà approfittare di un momento di pace e ristoro passeggiando nel verde. Finché la natura vorrà mantenerle in vita oppure semplicemente fino al prossimo Humus Park, nel 2020.

:::::::::::::::::::::::::::

Altre informazioni:

Francesca Casali

+39 320 32 77 894 – press@exigome.it 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.